«È un cattivo cuoco quello che non sa leccarsi le dita.» William Shakespeare

martedì 29 marzo 2011

La primavera sboccia su About Food

about food n2


Una veste fresca, colorata e profumata per il secondo numero della rivista. Un abito che ha tutti i sapori della Primavera appena iniziata....

Correte a sfogliarlo oppure scaricatelo qui!!!

giovedì 24 marzo 2011

Risotto primaverile con agretti, zucchine, curry e granella di noci

Sole, tiepido, fiorellini, cielo azzurro!!! E' arrivata la primavera... e con lei si rinnovano anche gli ingredienti nel mio frigorifero. 
Sabato facendo spesa mi sono ritrovata con metà carrello di verdura. Non so se è questo tentativo di "dieta" che sto facendo, a portarmi a cucinare tanta verdura o la voglia di piatti più salutari e freschi. Stà di fatto che questo risottino, messo insieme casualmente, l'ho trovato molto interessante. Leggero e al tempo stesso speziato dalle note del curry... insomma davvero buono!

Risotto primaverile con agretti, zucchine, curry e granella di noci


INGREDIENTI: 2 porzioni
160 gr di riso carnaroli
80 gr di agretti *
1 zucchina media
1/2 piccola cipolla bianca
1 cucchiaio raso di curry
6 noci
brodo vegetale q.b.
2 cucchiai di olio extravergine d'oliva

PREPARAZIONE:
In una padella antiaderente fate tostare il riso senza alcun condimento. In un tegame da risotto fate rosolare dolcemente la cipolla tritata nell'olio. Aggiungete la zucchina lavata e tagliata a cubettini e metà degli agretti tagliati a pezzetti.
Fate cuocere qualche minuto dopodiché aggiungete il riso. regolate di sale e cuocete il risotto aggiungendo il brodo vegetale ben caldo, unendo un mestolo di brodo alla volta.
A metà della cottura unite i rimanenti agretti e a pochissimo dalla fine unite anche il curry. Completate il risotto cospargendolo con i gherigli di noce spezzettati grossolanamente al coltello. Servite tiepido.

Risotto primaverile con agretti, zucchine, curry e granella di noci


(*) La Salsola soda, che viene anche comunemente chiamata Barba di frate o Barba del Negus, è una pianta dai molteplici usi; è edibile e viene perciò largamente usata in cucina (in questo ambito la pianta viene anche chiamata agretto) e veniva inoltre usata, in passato, quale importante fonte di soda (carbonato di sodio), che veniva estratta dalle sue ceneri dopo combustione.
Le foglie ed i fusti di Salsola soda sono commestibili e largamente usati in cucina, principalmente le piantine giovani e i germogli. La pianta è utilizzata soprattutto nella dieta mediterranea, ed in particolare in Italia e in Spagna (dove è nota con il nome di barrilla). È diffusa anche nella cucina aglosassone, dove viene chiamata con il nome italiano di agretti. In Romagna viene popolarmente chiamata lischi o liscari.
[fonte Wikipedia]


Vorrei condividere questa ricetta "verdurosa" al Weekend Herb Blogging # 276 che Cindy ospita questa settimana. La ringrazio per l'invito a partecipare a questa interessante iniziativa, insieme alle organizzatrici Haalo (organizzatrice in carica) e Bri (organizzatrice italiana) e naturalmente a Kalyn, la fondatrice del WHB.
Weekend Herb Blogging # 276

Testi ed immagini sono protetti dalla legge sul diritto d'autore.
Copyright ©2011 GustosaMente - All Rights Reserved

venerdì 18 marzo 2011

Arrosto di maiale al timo, aglio e vino rosso

Per fare questa ricetta dovrete chiedere al macellaio di tagliarvi un arrosto dalla parte della lombata, perché questo taglio ha il giusto equilibrio tra carne e grasso e permette le cotture prolungate. Otterrete in questo modo un arrosto morbido e succulento, invece di uno asciutto e stopposo.
La preparazione è veramente semplice, si tratta solo di avere un po' di pazienza a tenere la carne regolarmente bagnata con il vino.


Arrosto di maiale al timo, aglio e vino rosso


INGREDIENTI:
1 arrosto dalla lombata di maiale (da 1 kg circa)
4 spicchi d'aglio
350 ml di vino rosso corposo (consiglio un Valcalepio)
1 cucchiaino di timo essiccato
fleur de sel
pepe nero
olio extravergine d'oliva

PREPARAZIONE:
Fate scaldare il vino in un padellino con il timo e gli spicchi d'aglio schiacciati, in modo che si aromatizzi.
Legate l'arrosto (se il macellaio non l'ha già fatto gentilmente per voi) e rosolatelo in una cocotte con qualche cucchiaio di olio. Fate sigillare bene la carne su tutti i lati. Trasferite quindi la cocotte nel forno e cuocete per 1 ora e 30 minuti a 160°. Bagnate regolarmente la carne con il vino aromatizzato (tenuto sempre caldo). Condite l'arrosto con il fleur de sel soltanto a metà cottura.
Ottimo servito con delle semplici patate al forno.

[l'ispirazione per questa ricetta viene dal libro Arrosti, di Stéphane Reynaud]


Testi ed immagini sono protetti dalla legge sul diritto d'autore.
Copyright © GustosaMente - All Rights Reserved

mercoledì 16 marzo 2011

Auguri Italia!

Come vorrei aver avuto tempo per pensare ad una ricetta tutta dedicata al 150° dell'unità d'Italia. Purtroppo i mille impegni e il poco tempo a disposizione non mi hanno permesso di trovare qualcosa di originale e soprattutto di nuovo da pubblicare sul blog.
Ma cercando e frugando nel mio archivio ho trovato che sono molte le ricettine che ho preparato in questi anni e che domani potremmo portare sulle nostre tavole... da quelle che ricordano i colori della nostra bandiera a quelle tipiche regionali che trasmettono tutti i sapori della nostra nazione.

Ecco quindi  qualche idea per un menù adatto a celebrare questo anniversario...

Potremmo iniziare brindando con un bicchiere di Lambrusco amabile di Modena con polpa di mele renette e succo di uva nera e intanto sgranocchiare qualche sfizioso antipastino come ad esempio questi Crostini strapazzati ai profumi mediterranei. Oppure potremmo mescolare i profumi e i sapori delle regioni italiane con questa Insalata "nord e sud".

Per un inno ai colori dell'Italia potremmo portare in tavola questa Variazione di sapori dei pomodori di Pachino, oppure un primo piatto come questi Fusilli con peperone rosso e brie

Variazione di sapori dei pomodori di Pachino


E se volessimo regalarci un primo piatto regionale la scelta non avrebbe fine:  Pasta con le sarde alla siciliana, Spaghetti alla puttanesca, Orecchiette alle cime di rapa, Spaghetti all'Amatriciana, Pane frattau, Risi e bisi, Pizzoccheri, Rapata alla lombarda, Melanzane alla parmigiana, Trofiette al pesto...

In ogni regione, in ogni provincia, in ogni città, troviamo profumi e sapori coinvolgenti ... Buon Compleanno Italia!

Testi ed immagini sono protetti dalla legge sul diritto d'autore.
Copyright © GustosaMente - All Rights Reserved

lunedì 14 marzo 2011

EGGS IN SMOKING ... ecco il vincitore

Si sono concluse ieri sera a mezzanotte le votazioni per il contest Eggs in Smoking... ecco i risultati...


Non possiamo quindi che congratularci con Giulia per essere la vincitrice ufficiale di questo contest!!!

Questa è la ricetta vincitrice...

(amaradolcezza.blogspot.com)


Ora a lei il "difficile" compito :) di scegliere uno dei due bellissimi premi messi in palio da Gloria.


Agli altri finalisti il nostro plauso per questa bellissima ed entusiasmante gara e a tutti i partecipanti un immenso grazie!!!

PS: Spero a breve di riuscire a preparare il ricettario PDF contenente tutte le ricette che hanno partecipato contest.

lunedì 7 marzo 2011

EGGS IN SMOKING ... le 5 ricette finaliste

EGGS_IN_SMOKING


Bene bene bene... l'avventura del contest Eggs in Smoking si è chiusa ieri e ha visto un bel numero di partecipanti. Tante ricette gustose, sfiziose ed originali si sono succedute in questo mese e mezzo di gara. La scelta quindi non poteva che essere ben meditata.
Io e Gloria siamo giunte al verdetto, scegliendo quelle ricette che a nostro parere hanno risposto allo spirito di questo contest: valorizzare un ingrediente semplice come un uovo rendendolo "qualcosa di speciale".
Inutile dire che per noi due la ricerca del buono va di pari passo con quella del bello. Abbiamo quindi cercato di selezionare 5 ricette che appagassero, insieme al palato, anche la vista.
Ora però spetta a tutti voi scegliere la ricetta vincitrice. Vi chiediamo quindi di esprimere la vostra opinione dando il voto alla ricetta che ritenere migliore e naturalmente prima di votare vi invitiamo a dare un'occhiata alle favolose ricette.
Vi preghiamo di non usare trucchetti beceri e di votare onestamente... c'è già tanta disonestà in giro, che non ci sembra davvero il caso di far diventare una farsa anche questi giocosi contest!

Per votare utilizzare l'apposito poll che trovate nella barra laterale del blog

Si può votare fino al 13 Marzo, ore 23.59


Ecco a voi le 5 ricette finaliste...


(basilicoepinoli.blogspot.com)


(amaradolcezza.blogspot.com)


(ilgiardinodeisaporiedeicolori.blogspot.com)


(tenthingsthat-serena.blogspot.com)


(ilpranzodibabette.com)


Ricordiamo che il vincitore potrà scegliere tra uno dei premi messi in palio da Scacco alla Regine (potete vederli QUI).
Queste 5 ricette inoltre verranno inserite nel prossimo numero di About Food.

sabato 5 marzo 2011

Fiori e stelle di uova ai capperi e finocchio

Fiori e stelle di uova ai capperi e finocchio


Ho voglia di primavera... ma tanta! 
Il freddo continua a non dare tregua e io invece ho voglia di vedere erbetta verde e prati fioriti.
Sò che prima o poi arriverà ma nel frattempo ho pensato che sarebbe stato bellissimo creare un prato verde nel piatto. Un praticello croccante e profumato con delle frittatine soffici a forma di fiori e stelle... per sognare un po'... è così bello sognare...


uova, capperi, finocchio

fiori e stelle di uova


INGREDIENTI: per 2 porzioni
1 finocchio
4 uova
una ventina di capperi
sale e pepe q.b.
olio extravergine d'oliva q.b.

PREPARAZIONE:
Lavate il finocchio, togliete le barbe e tritatele insieme ai capperi. In una ciotola sguaciate le uova e unite il trito di capperi e un pizzico di sale e pepe. Sbattete leggermente il composto con una forchetta. Oliate una padella antiaderente e disponetevi all'interno delle formine tagliabiscotti, anch'esse leggermente unte. Io ho usato quelle a forma di fiore e stella, ma voi potete utilizzare quelle che più preferite.
Versate all'interno delle formine il composto di uova e coprite con un coperchio. Fate cuocere a fiamma bassa finché le uova non si sono rapprese. Nel frattempo tagliate sottilmente il finocchio e disponete le fettine sul fondo dei piatti. Conditele con un pizzico di sale, del pepe nero macinato al momento e un filo d'olio.
Sformate le frittatine sopra i finocchi e decorate il piatto con qualche cappero e delle barbe di finocchio.

Fiori e stelle di uova ai capperi e finocchio



Anche questa ricetta, dato che ha le uova tra gli ingredienti protagonisti, verrà inserita nel ricettario PDF di Eggs in Smoking.

Ricordo a chi volesse ancora partecipare che c'è ancora qualche ora di tempo a disposizione.
Il contest chiuderà il 6 marzo alle ore 23.59.

EGGS_IN_SMOKING

Testi ed immagini sono protetti dalla legge sul diritto d'autore.
Copyright ©2011 GustosaMente - All Rights Reserved

martedì 1 marzo 2011

Torta con yogurt e arance

Questa ricetta è nata da una variante alla mia torta di mele e yogurt.
La differenza sta nel fatto che questa volta nell'impasto non ho usato farina di riso ma la classica 00 e ho utilizzato lo yogurt greco invece di quello alla frutta.
La vera rivoluzione però è nel sapore e profumo intenso di arancia che contraddistingue questo dolce... le fettine di arancia rimangono consistenti e il sapore fresco ed asprigno sta a meraviglia con la dolcezza e morbidezza della torta.

Torta con yogurt e arance


INGREDIENTI:

3 piccole arance vaniglia
150 gr di yogurt greco
20 gr. di zucchero di canna grezzo
170 gr. di zucchero semolato
160 gr. di farina 00
50 gr. di fecola di patate
2 uova
100 gr. di burro fuso
1 pizzico di sale
1 bustina di lievito vanigliato
una noce di burro per la tortiera

PREPARAZIONE:
Lavate le arance e grattugiate la scorza da una di esse. Pelatele al vivo e poi tagliatele a fette sottili circa 1/2 cm. Fate questa operazione sopra un piatto in modo da non perdere il succo.
Prendete una tortiera antiaderente a cerniera (circa 26 cm di diametro) e imburratela. Distribuite le fettine di arancia sulla base e cospargetele con lo zucchero di canna.
Sgusciate le uova e sbattetele con lo zucchero semolato e lo yogurt fino ad ottenere un composto chiaro e spumoso. Unite il succo delle arance e la scorza grattugiata, la farina e la fecola setacciate, aggiungete un pizzico di sale e mescolate ancora. Unite per ultimi il burro fuso e la bustina di lievito.
Versate quindi il composto nella tortiera. Infornate a 170° per circa 40-50 minuti (fate la prova stecchino, se esce asciutto, la torta è pronta).
Lasciate raffreddare la torta, sganciate la cerniera e capovolgete il dolce sul piatto di servizio.

Torta con yogurt e arance

Torta con yogurt e arance


Con questo dolce profumato e colorato d'arancio 
partecipo al contest de La banda dei Broccoli


Testi ed immagini sono protetti dalla legge sul diritto d'autore.
Copyright ©2011 GustosaMente - All Rights Reserved