«È un cattivo cuoco quello che non sa leccarsi le dita.» William Shakespeare

lunedì 13 ottobre 2008

Polenta "alla milanese"

 

Per chi come me dice sempre "Sì, questa volta ne faccio poca, altrimenti poi avanza!" e poi non pesa, ma va ad occhio, spesso si ritrova con una quantità da esercito di polenta che naturalmente da smaltire in due persone diventa abbastanza complicato.

Certo lo so, anche il giorno dopo, tagliata a fette e abbrustolita è buonissima.
Oppure "pasticciata" con sugo di pomodoro e parmigiano penso che l'abbiamo preparata un po' tutti.
Ma fatta così, era la prima volta che mi cimentavo e devo dire che... mi è piaciuta un bel po'.



La polenta deve essere ovviamente fredda e ben compatta, in modo da poterla tagliare a fette.
Fatele spesse circa 1 cm e passatele nella farina bianca, poi nell'uovo sbattuto con un pizzico di sale e per ultimo nel pangrattato.
Friggete le fette in olio extravergine fino a farle diventare ben dorate.
Per i golosi e i "puristi della milanese" potete friggere le fette nel burro, ma diventano una bomba calorica.
Scolatele su carta da cucina, salatele leggermente e ... Gnam Gnam!!!!



Con questa ricetta partecipo al contest

17 commenti:

  1. Sono senza parole,
    appena tornato da una lunga giornata in sala di registrazione, un sandwich...fame da morire.
    Mi sbranerei la foto!

    notte

    ;-P

    RispondiElimina
  2. Ok allora la prossima volta che facciamo la polenta faremo tutto il possibile per avanzarla e provare uqsta deliziosissima versione milanese!!
    bacioni

    RispondiElimina
  3. Si, si da provare!
    Ogni sabato mia nonna prepara un bel paiolo di polenta e immancabilmente ne avanza una bella ciotola.
    ciao

    RispondiElimina
  4. Noooo!La polenta cotolettata!!!Ma sei troppo avanti!!!da provare assolutamente!
    Buona giornata

    RispondiElimina
  5. e come non sciogliersi davanti ad una bella polenta?
    Io la mangerei tutti i giorni se potessi, in tutte le salse e anche con lo zucchero sopra! Che bbuonnnaaaaa... mmmmmmm!
    Devo dire che questa tua "milanesata" è un'interpretazione fantastica! Bravizzima!
    :-)
    Smack!

    RispondiElimina
  6. Davvero una grande idea! Baci

    RispondiElimina
  7. ...praticamente una cotoletta vegetariana :) golosissima! ma anche il maiale al rum che vedo qui sotto non scherza...

    RispondiElimina
  8. Da Padana doc mi pento di non averla mai provata così..ma mi affretterò a prepararla.L'hai mai mangiata abbrustolita con lo zucchero sopra??MMh..che fame!

    RispondiElimina
  9. Che rivelazione???? assolutamente da provare!!!
    ^____^

    RispondiElimina
  10. Che buona!! non l'ho mai mangiata così!
    Anche pasticciata con soli formaggi è una favola!

    RispondiElimina
  11. Ecco... abbrustolita con lo zucchero mi manca. Silvietta, proverò sicuramente!!

    baciotti a tutti :o)

    RispondiElimina
  12. A noi la polenta non avanza mai !!! ;) ottima, ottima !!! Buona notte :)

    RispondiElimina
  13. adoro questa polentina fritta: me la fa mia suocera ! fantastica...! la variazione al burro no...per me è troppo!! ;-)))

    RispondiElimina
  14. ciao ! sono arrivata qua per caso e ho scoprto un blog bellissimo con delle foto bellissime!!!
    ora vado a curiosare meglio e ti metto tra i miei preferiti!
    ciao
    irene

    RispondiElimina
  15. ricevuta e inserita!! grazie carissima!! buona fortuna!! ammetto che pur essendo milanese questa non l'avevo mai assaggiata!!!!

    RispondiElimina
  16. Ciao Leda! Che bella questa ricetta sulla polenta. Così non l'avevamo mai vista fare! Davvero complimenti per il blog e per le belle foto.
    Ci siamo aggiunte ai tuoi lettori fissi così da poterti seguire da oggi in poi. Speriamo verrai a trovarci nel nostro blog.
    Gustosamente.. Alessia e Tiziana

    RispondiElimina

Se ti fa piacere lascia un commento e non dimenticare la tua firma ... così saprò con chi sto parlando ^_^