«È un cattivo cuoco quello che non sa leccarsi le dita.» William Shakespeare

martedì 29 settembre 2009

Ravioli di brasato col suo sugo

Basta che inizi a far un po' freddino e mi vien subito voglia di brasato con polenta.
Però poi, presa dal raptus, ne faccio un bel pezzettone che in due basterebbe per 5 giorni a pranzo e cena.
Questa volta quindi gli "avanzi" li ho utilizzati per realizzare i ravioli al brasato, uno dei piatti della tradizione lombarda, come un po' di tutto il nord Italia.
Il bello di questo piatto è che il ripieno è profumato e saporito proprio come se mangiassi una fetta di brasato e il condimento, che è poi il sugo dove è stata cotta la carne è ... sublime!

Ravioli di brasato col suo sugo

Per vedere come si prepara il brasato vi rimando a questa ricetta Brasato d'asino speziato oppure questa Manzo stracotto al vino toscano

... e ora veniamo a i ravioli ...

INGREDIENTI per 4 persone

Pasta:
500 gr. di farina di grano tenero
4-5 uova (a seconda dell’umidità della farina o della grandezza delle uova)
1 cucchiaio di olio d'oliva
sale

Farcia dei ravioli:
350 gr di brasato
1 uovo
2 cucchiai di pangrattato
100 gr di parmigiano grattugiato
1 pizzico di noce moscata
qualche cucchiaio di sugo di cottura del brasato
sale

PREPARAZIONE:
Tritare finemente la carne e amalgamate l'uovo, il parmigiano, il pangrattato e la noce moscata. Dovete ottenere un impasto morbido e modellabile. Se il composto è troppo asciutto aggiungerete qualche cucchiaio del sugo di cottura della carne.
Preparate quindi la pasta dei ravioli: mettete la farina a fontana e rompetevi al centro le uova.
Unite l'olio e un pizzico di sale. Lavorate gli ingredienti fino ad ottenere un impasto liscio ed elastico. Formate un panetto e lasciatelo riposare per un'ora coperto con un panno leggermente umido in modo che non si asciughi troppo.
Intanto setacciate al passaverdura il fondo di cottura del brasato che userete poi come condimento dei ravioli.
Stendete la pasta con un mattarello o con la macchinetta e formate delle striscie sulle quali disporrete a mucchietti la farcia.
Chiudete con una seconda striscia di pasta e tagliate a quadrati premendo bene i bordi per non far fuoriuscire il composto durante la cottura.
Cuocete i ravioli possibilmente in brodo di carne, scolateli con un mestolo forato e adagiateli in una zuppiera o direttamente nei piatti individuali.
Conditeli con qualche cucchiaio di sugo e spolverate con parmigiano.

14 commenti:

  1. mamma mia che gustosi! non appena riuscirò a fare un brasato decente, li preparerò.
    Grazie.
    Sabrina

    RispondiElimina
  2. Che bontà, io poi che adoro il brasato...
    Unico problema, quando comincio a pociare il sugo col pane, ne avanzo sempre poco ;)

    Alberto

    RispondiElimina
  3. Spettacolari, mai provati col brasato!

    RispondiElimina
  4. ci vuole molta pazienza ma è golosamente ripagata!!

    RispondiElimina
  5. Credo di aver mangiato qualcosa di molto simile a Torino: buonissimi!

    Ciaooo!

    RispondiElimina
  6. Hai ragione: con il freddo che arriva un piatto caldo e fumante è quello che ci vuole!
    ottimo questo utilizzo del brasato per un pirmo piatto!
    baci baci

    RispondiElimina
  7. Un primo davvero importante! deve essere davvero succulento
    Un bacione
    fra

    RispondiElimina
  8. Un gran lavoro!!!Capolavoroo!!!
    Mia mamma usava lo stufato di cavallo per i casonsei..eccezionali!

    RispondiElimina
  9. mamma mia che aspetto felice che hanno!!

    RispondiElimina
  10. Si ma come si fa a lasciare da parte un po' di sugo...quando sei li che addenti il brasato.... forse si riesce pensando che è "per una buona causa" come questi ravioli!!!! ciao arianna

    RispondiElimina
  11. Bellissimi questi ravioli, devono essere davvero deliziosi.

    :-)

    RispondiElimina
  12. ah io sono in piena fase raviolesca...

    RispondiElimina
  13. mamma mia che bonta'!!!ciaoo

    RispondiElimina
  14. il brasato quello buono è una rarità è tanto che non lo mangio mi hai fatto venire voglia

    RispondiElimina

Se ti fa piacere lascia un commento e non dimenticare la tua firma ... così saprò con chi sto parlando ^_^